Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 03 aprile 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Costituzione della Repubblica Anarchica

Pubblicato sabato 19 novembre 2016 alle 10:40:17 - By Lorenzo Zaccaria

Costituzione della Repubblica anarchica...

 

Vignetta di Alessandro Hobbs Niccolai

 

Diritti fondamentali alla vita:


1. L'Italia è una Repubblica Anarchica, fondata sul Presidio. La sovranità appartiene al vandalo, che la esercita un po' come si alza la mattina.


2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo portatore di dread sia nelle formazioni sociali ove si svolgono i Presidi Permanenti, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di offrire un tiro, dargliele alla pula e scrivere ACAB sui perimetri esterni degli edifici urbani.


3. Tutti gli zii hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti al centro sociale senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche anarchiche, di condizioni personali e sociali; tranne la pula e i banchieri servi del potere. È compito della Repubblica prendere a mazzate gli sportelli di prelievo, le vetrine dei negozi, che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei tesserati ai centri sociali, impediscono il pieno sviluppo del fricchettone anarchico costringendolo a trovarsi un lavoro o, peggio, farsi una doccia.


4. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro, ma non lo promuove, anzi, facciamo che fa finta di non vederlo. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la nostra scelta, un'attività vandalica o una funzione che concorra al farla ai matusa.


5. La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove i centri sociali locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo, un po' di qua, un po' di là; in fondo non ha importanza, tutto fumo e niente arrosto.


6. La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche, minchia zi', che sbatti.


7. Lo Stato e la Musica Reggae sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dal costo del fumo, l'andamento delle borse di scitto è sovrano.


8. Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Ma meglio il Rastafarianesimo.


9. La Repubblica promuove lo sviluppo della coltura d'erba e la ricerca scientifica e tecnica necessaria alla coltivazione di essa. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione, NOTAV, NOTAV, NOTAV.


10. L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. Nessuna.


11. L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; ma per un mattone sulle vetrine non sembra sia mai morto nessuno. Essa non consente, in condizione di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento qualsiasi tra le Nazioni; promuove e favorisce le proteste a capo coperto rivolte contro tale scopo.


12. La bandiera della Repubblica è il tricolore giamaicano: verde, giallo e nero, con quelle righine lì messe un po' così, e quei triangoletti più o meno così. Al centro vi è posto il faccione allegro di Bob Marley; comunque va anche bene Che Guevara dai.

 

Lorenzo Zaccaria

 

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!