Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 04 giugno 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Dio salvi la Regina e... il Risorgimento italiano

Pubblicato venerdì 14 ottobre 2016 alle 08:18:34 - By Nicola Luccarelli

 

Dio salvi la regina...

 

Vignetta di Giuseppe La Micela.

 

Dio salvi la regina, gli inglesi e tutta la corona. Questa voglia atavica d'impero e imperialismo inglese che ha contagiato, anzi forse sarebbe meglio dire colonizzato mezzo mondo era arrivata anche in Italia, ai tempi! Quali? Quelli del triunvirato formato da Cavour, Garibaldi e Vittorio Emanuele II Re d' Italia, ma anche Mazzini qualcosa aveva fatto.


E così, come nei romanzi più accattivanti, viene fuori che l' Unità d' Italia è stata un' idea inglese, voluta per controllare il bacino del Mediterraneo e il Regno di Napoli e delle due Sicilie (neanche una addirittura due).


Abbiamo fatto tutto da noi, abbiamo combattuto in patria per la patria, il Risorgimento è cosa nostra (ogni riferimento è puramente casuale). E invece? E invece no, cari italiani ottocenteschi, ancora molto ottocenteschi e poco italiani.
La mossa (quella vera), è stata fatta a noi dal popolo di sua maestà che ha sempre messo mano, becco e qualcosa di altro, nelle faccende altrui per puri scopi personali.


Ma, è cronaca  di questi giorni, siamo venuti a sapere dai sudditi di Sua Maestà,  per bocca del Ministro dell’interno Amber Rudd, che il nostro paese non è unito, ma ancora diviso in Regno di Piemonte, Napoli e Sicilia.


Dio risalvi la regina, gli inglesi e tutta la corona, e dia un po’ di buon senso e conoscenza della loro storia patria al ministro britannico estensore della proposta di legge discriminatoria verso i lavoratori italiani nel Regno Unito, rigorosamente divisi, pertanto, tra Piemontesi, Napoletani e Siciliani.


Nicola Luccarelli.

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!