Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - sabato 24 agosto 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Non ci conviene immischiarci…

Pubblicato mercoledì 02 dicembre 2015 alle 12:46:28 - By Massimo Fini

Renzi ha fatto un solo errore quando è andato a Erbil a mostrare i muscoli e fare il ganassa com’è nel suo stile. Poi ha scelto un profilo basso e ha fatto benissimo. Non è nel nostro interesse seguire l’avventurismo dei francesi che ci è già costato in Libia, non in termini di vite umane ma perché ha aperto la via a una migrazione senza controllo che si rovescia sulle nostre coste. 
Per la verità anche Berlusconi era allora contrario all’attacco in Libia ma poi si accodò. Anche la Merkel è molto prudente, manda i Tornado ma solo per ricognizione. Non vedo perché noi dovremmo fare diversamente. Finora noi italiani non siamo stati toccati dal terrorismo Isis perché, a differenza di americani e francesi, non siamo andati a intrometterci in una guerra che non riguardava gli occidentali ma era un regolamento di conti tra una parte dei sunniti e una parte degli sciiti.
Dice: e la solidarietà europea? Questa solidarietà ci potrà essere, anche con intervento armato, solo quando l’intera Ue avrà preso una decisione univoca. E non perché un singolo Paese come la Francia, ammalato da sempre di una ridicola grandeur, è all’attacco un po’ dappertutto, dall’Iraq alla Siria al Mali. Un premier ha il diritto e il dovere di non mettere in pericolo la vita dei suoi cittadini quando, com’è almeno per ora, non ce n’è alcun bisogno.

Massimo Fini

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!