Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 04 giugno 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

I “testimoni” dei Cinquestelle…

Pubblicato domenica 03 luglio 2016 alle 09:04:09 - By Ignazio Piscitelli

I "Testimoni" dei Cinquestelle...

 

Vignetta di Ignazio Piscitelli

 

Da un po’ di tempo mi chiedo a cosa derivi la mia grande antipatia per i Cinquestelle…avversione che non ha nulla di politico…


A parte quel fighetto, invecchiato precocemente o nato vecchio, che veste come un democristiano degli anni 50, ci deve essere qualche altro motivo…e, finalmente, l’illuminazione.


Io odio i portatori di verità rivelata (a parte Gesù Cristo che, in ogni caso, non può essere affiancato a Beppe Grillo…): sono pericolosi, hanno pure l’abitudine di mandare al rogo (metaforicamente e, qualche volta, realmente, come la storia ci insegna…) tutti quelli che non la pensano come il credo che professano.


Vicino a loro, rivaluto persino Berlusconi e la sua servile corte che non sono certo un esempio di pubbliche virtù, ma almeno non ti rompono i coglioni al grido di “onestà, onestà, onestà”, come se questa fosse una categoria politica, e non il presupposto su cui si dovrebbe fondare l’attività di qualsiasi uomo delle istituzioni.


Lo avrei capito ed accettato se avessero gridato ”competenza, competenza competenza”...con tutti gli imbecilli che frequentano il parlamento avrebbe avuto una sua giustificazione…


Certo sarebbe stata una “pericolosa e compromettente affermazione”, che ti si può anche ritorcere contro…meglio starne alla larga…


A proposito, per concludere: certo saprete che il regolamento Cinquestelle prevede, per i parlamentari, il vincolo di due mandati, poi dovrebbero “togliere il disturbo”. Ce li vedete voi, questi rampanti politici, dopo aver raggiunto l’ebbrezza del potere, mollare la poltrona? Io no…


Ps. Per onestà di cronista: anche gli altri partiti ti rompono " li coioni... famo a chi arriva prima"...

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!