Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 21 ottobre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La creazione secondo Matteo

Pubblicato mercoledì 12 marzo 2014 alle 21:33:37 - By Stefano Andrini

 

Vignetta di Roberto Mangosi

 

In principio Renzi creò il governo e il consiglio dei ministri.


Renzi disse:” Sia riforma elettorale”. E la riforma fu. Vide che la riforma era cosa buona e separò la riforma dalle elezioni. E fu sera e fu mattina: primo giorno.


Renzi disse: “La Costituzione è da cambiare”. E divise la sovranità dal popolo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno.


Renzi disse: “La Terra produca lavoro”. E all’Ilva di Taranto spuntarono le violette. E fu sera e fu mattina: terzo giorno.


Renzi disse: “Le acque brulichino di esseri viventi”. E creò i mostri marini chiamandoli Alfano. E fu sera e fu mattina: quarto giorno.


Renzi disse: “Facciamo il fisco a nostra immagine, a nostra somiglianza.” E introdusse il modello unico sottotitolato in fiorentino. E fu sera e fu mattina: quinto giorno.


Non si sa cosa abbia fatto Renzi nel sesto giorno. Forse partecipò in incognito a una puntata di Amici.


Renzi, nel settimo giorno, portò a termine il lavoro che aveva fatto e cesso da ogni suo lavoro.


In quel momento Berlusconi presentò la cambiale all’incasso.


Di Stefano Andrini

Vignetta di Roberto Mangosi

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!