Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 15 novembre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La parola e il suo contrario...pari sono

Pubblicato sabato 30 aprile 2016 alle 15:38:33 - By Fabio Magnasciutti

il significato delle parole...

 

Vignetta di Fabio Magnasciutti

 

Certamente ci avrete fatto caso: da molto tempo si è perso il “corretto significato” delle parole: invece di avere una definizione univoca, ognuno le interpreta a suo modo…


Questo è piuttosto utile ai politici perché, in questo modo, possono affermare una cosa e subito rettificarla nell’esatto contrario, secondo le convenienze del momento…


Se, ad esempio, in un comizio li sentite affermare che, se eletti, si occuperanno del “bene comune”, voi subito pensate all’intera comunità del paese. Sbagliato: loro potrebbero invece riferirsi al “bene comune personale”, a quello degli amici e degli amici degli amici, e via di questo passo…


Come risolvere questa cosa? Ma è semplice: ridando alle parole il loro “vero significato”.


Se, per fare un altro esempio, viene emessa una sentenza che condanna un amministratore pubblico per essere stato preso con ”le mani nella marmellata”, questo si traduce nel termine “galera”, e non " arresti domiciliari nella sua lussuosa dimora, affidamento ai servizi sociali, condono, prescrizione del reato ecc"...


Non sia mai che la riforma della giustizia, caro Matteo, passi anche per l’uso corretto, e non strumentale, della lingua italiana?...

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!