Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 15 novembre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

L’ideologo dei Black Bloc, Mattia Sangermano, si confessa davanti alla TV…

Pubblicato domenica 10 maggio 2015 alle 15:23:30 - By Antonio Silvestri

satira black bloc

 

Vignetta di Tauro

 

 

 

Mattia Sangermano, 21 anni, subito dopo gli scontri che venerdì hanno trasformato Milano in un campo di battaglia, di fronte al cronista di Tgcom 24 Enrico Fedocci, raccontava quanto fosse bello e divertente fare la guerriglia insieme ai Black Bloc.

Ecco la sintesi delle sue dichiarazioni:


«Ero in mezzo al corteo, c’era casino hanno spaccato un po’ di robe. Giusto così, è una protesta… perché, cioè, noi dobbiamo fare sentire la nostra voce secondo me, e se non capiscono con le buone prima o poi lo capiranno in qualche altro modo nel senso, cioè i politici, le persone normali c’è un divario enorme e poi loro rubano. Io ero esaltato perché volevo avere anche in mano qualcosa per spaccare qualcosa, quello sì, cioè


Però è stata una bella esperienza, cioè ci stava, poi c’è stato un sacco di bordello… Io ho visto tanta gente che spaccava le cose e ho pensato “cazzo se avessi ancora anch’io qualcosa in mano spaccherei pure io”.


Cioè io ho guardato, non è che sono stato lì, però è stata un bellissima esperienza, ci stava. Però, cioè, non era il primo corteo in cui stavo. 


Minchia, la banca è l'emblema della ricchezza, cioè se non do fuoco alla banca sono un coglione, minchia, secondo me…
Quando c’è casino e mi ritrovo in mezzo faccio casino anch’io, nel senso, cioè, mi diverto, cioè…»


Che gli volete fare ad uno così? Assoluzione per manifesta incapacità di intendere e di volere e 10 anni di carcere per ostentato dispregio della lingua italiana.

 

 

(r. g.)

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!