Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 15 novembre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Palermo: è tornato Beppe ed ha ristabilito "le gerarchie" all'interno del movimento...

Pubblicato mercoledì 28 settembre 2016 alle 07:55:29 - By Alfio Krancic

 

 

Vignetta di Giuseppe La Micela

 


A Palermo, ai due giorni grillini Giggino “non ho capito” , secondo quanto hanno riportato diversi media, parla con un gruppo di persone e dice:


"Dobbiamo proteggere Virginia e non criticarla, anche all'estero mi accorgono che le sorti del nostro Movimento dipendono da come ci comportiamo a Roma".


Il senso lo si capisce, ma la conoscenza della lingua italiana non è proprio nelle corde del nostro Giggino, Presidente del Consiglio “in pectore” del Movimento Cinquestelle.


Incredulo, ho fatto ricorso a Google che ha corretto: Forse cercavi "Dobbiamo proteggere Virginia e non criticare. Anche all'estero si accorgono che le sorti del nostro Movimento dipendono da come ci comportiamo a Roma". Perfino il motore di ricerca conosce la lingua italiana meglio del Vicepresidente della camera....


Non fa specie che i Cinquestelle sostengano il loro campione ( non di sintassi…), ma che i media si prestino a presentarlo come un possibile candidato a reggere questo paese, è una cosa da “fuori di testa”…


Proviamo a ricordare chi sono stati i presidenti del Consiglio dal dopoguerra in poi: Alcide de Gasperi, Aldo Moro, Giulio Andreotti, Giovanni Spadolini, Bettino Craxi, Ciriaco de Mita e,in tempi più recenti: Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, Massimo D' Alema, e poi... Giggino di Maio?...non so se piangere o ridere: dipende dall'umore del momento...


Per di più, non è neppure corretto alimentare le ambizioni del povero ragazzo, ex riparatore di computer, perché potrebbe anche crederci di diventare il prossimo Presidente del  Consiglio...


Giustamente ci pensa Beppe a ridimensionare il suo delfino, ristabilemdo "la gerarchia" all'interno del  movimento...peraltro entusiasticamente condivisa dalla base grillina...

 

 

Vignetta di Alfio Krancic

 

 

 

 

 

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!