Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 24 ottobre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Stepchild adoption, ovvero "l’adozione del…vitalizio"...

Pubblicato mercoledì 10 febbraio 2016 alle 18:02:22 - By Massimo Ottavi

L'adozione...del vitalizio

 

Vignetta di Ottomax

 

Ogni tanto, a qualche giornalista viene l’idea d'intervistare un parlamentare, uno qualsiasi preso a caso dal pregevole mazzo, e fargli una domanda riguardante “il lavoro” per il quale gli italiani lo pagano.


Ne vengono fuori le risposte più improbabili mostrando, urbi et orbi, la sua abissale ignoranza.


Le cose si complicano quando qualcuno che certamente li odia, se ne viene fuori con proposte di legge formulale in inglese, come la recente stepchild adoption.


Per alcuni, come il forzista Domenico Scilipoti, è un vero e proprio scioglilingua, uno strumento di tortura, sia per la lingua italiana che per quella inglese.


Ma ecco trarre d’impaccio lui e tanti come lui, il Senatore Antonio Razzi, suo compagno di tante avventure e scorrerie attraverso i vari schieramenti politici.


Secondo l’arguta interpretazione del nostro Antonio lo stepchild adoption è “l’adozione del vitalizio” a cui ogni buon parlamentare deve giustamente tendere come “meta primaria” del suo fare politica, in linea con la ben nota affermazione del Senatore Razzi riferita al parlamento: “qui sono tutti malviventi, per cui amico caro, fatti i cazzi tuoi”…

 

Romano Garofalo

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!