Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - domenica 07 giugno 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Achtung Italienisch: La festa è finita

Pubblicato sabato 16 aprile 2016 alle 12:09:54 - By Nicola Luccarelli

Austerità tedesca...

 

Vignetta di Paride Puglia

 

Quanto è bella giovinezza che si fugge tuttavia...del doman non v’ è certezza, chi vuol essere lieto sia. Ma quanto è bello vivere alla grande eh? Quanto è bello spendere e spandere, tanto poi a saldare ci pensa Pantalone! I popoli latini, quelli che abitano nel mediterraneo sono passionali, caldi dentro e fuori, brillanti fino al midollo.


Non arriviamo a splendere come il caro e vecchio Mastrolindo, ma ci andiamo vicini. Per una volta è l' Italia (sempre fanalino di coda in altre faccende), a trascinare un gruppo composto da Spagna e Grecia (quest' ultima ancora in ciucca).


Indebitiamoci fino al collo, investiamo nel nulla, riempiamo il debito pubblico con soldi che non potremo mai recuperare, tanto poi se cadono i governi se ne fanno altri no? Comunque, a prendere le redini di questa classe così indisciplinata chi ci sarà secondo voi?


Ma la Germania è ovvio, con la sua lady di ferro battuto che risponde al nome di Angela Merkel. Per loro natura i tedeschi sono precisi, 'austeri', se dicono sì è si, se dicono no è no, non ci sono mezze misure o bianco o nero, più chiaro di così.


Quindi, chiedere un aiuto in danaro ai nostri confinanti germanici è come domandare soldi a Paperon De Paperoni: anche se è pieno come un uovo, preferisce farci il bagno dentro che darli a te.


In Europa comanda l' Europa o per meglio dire i tedeschi che, all' occorrenza, si travestono da europei e dicono agli altri come vivere. Passa il tempo, ma non la voglia di comandare. La Merkel perde il pelo, ma il vizio è sempre quello!


Nicola Luccarelli

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!