Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 02 giugno 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Articolo 18? No, grazie

Pubblicato sabato 22 ottobre 2016 alle 07:18:48 - By Nicola Luccarelli

Articolo18? No, grazie...

 

Vignetta di Bucnic

 

Quanto è bella la costituzione. Quanta storia c'è dietro... eh tanta! Ma distruggerla è un attimo eh... tagliamo qui, aggiungiamo là, ed ecco il capolavoro.


Prendiamo l' articolo 18 ad esempio. Renzi ne ha dette e fatte di tutti i colori, sul lavoro... già questo sconosciuto. L' Italia è una Repubblica (dal Greco Res (cosa) e Pubblica (di tutti), fondato sul lavoro... sì quello degli altri, perché sul nostro non credo proprio. Voi che dite? Dei diritti dei lavoratori (una razza in via di estinzione), ne vogliamo parlare? Hai voglia a cambiare, tagliare, cucire e rammendare... quando di lavoro neanche l' ombra è dura tirare a campare.


Diventeremo una Repubblica fondato sul Voucher, questa forma di pagamento più simile a una ricarica telefonica che a una busta paga. Allora perché non ci trasformiamo, anche noi, in cellulari ultramoderni con ricarica incorporata? Volete sapere dove uscirebbe la ricevuta della suddetta ricarica? Beh lasciamo stare...


Comunque i tempi cambiano e dobbiamo stare al passo, evolverci...chi si ferma è perduto, e chi invece non è nemmeno partito? Siamo tutti nella stessa barca, quella in cui questo governo, la politica 2.0 ci vuole mettere e poi se il natante dovesse imbarcare acqua? Nessun problema, arriva un tappabuchi, un referendum fatto apposta per risolvere il problema e arrivare al porto, sani e salvi.


Ma come fanno i marinai? E i pensionati, i giovani, e le mamme single? Male che vada chiediamo aiuto a Renzi.... lui ha sempre una soluzione per tutto no?


Nicola Luccarelli

I vostri commenti...

Postato da einrix :: sabato, 22 ottobre 2016 - 14:00:44

Macché distruggerla! Sei tu caro Autore che vuoi distruggere quello che il Parlamento ha fatto con tanta fatica.
Ti dispiace che il Senato non debba giocare a Ping pong con la Camera? Ti sta bene il contenzioso tra Stato e Regioni, aperto dalla Modifica del Titolo V, pregevole per altri versi, e che deve essere aggiustato? Sei così attaccato all'ente inutile Cnel che vuoi votare per la sua continuità? Ti da così fastidio avere una camera delle Regioni che faccia la sintesi di tutte le leggi che le regioni fanno, cercando di uniformarle a quelle migliori? No, caro Autore, tu non avresti fatto né l'unità d'Italia e saresti stato tra quelli che presero a bastonate i 300 giovani e forti, e non avresti fatto neppure la Resistenza, preferendo startene a casa a fare vignette. Di fatto sei un conservatore che non vuole cambiare niente, perché sei senza speranze ed hai paura del futuro. L'Art. 18 è una bandierina che sventolano quelli che nel mondo del lavoro dipendente non ci sono mai stati. Per la crisi, ne sono stati licenziati a milioni senza ricorrere all'Art. 18. Usato come uno spauracchio della Destra: «non si può fare impresa con l'articolo 18» e non è mai stato vero, adesso è lo spauracchio di certa sinistra infantile che non sa dare il giusto valore alle cose, e ad avere il tempo ci sono anche i numeri dei licenziati per le diverse cause, che parlano meglio delle battute. Vedi che differenza c'è tra un ragionamento ed una vignetta? Il ragionamento cerca di parlarti alla testa, che non sempre funziona, magari solo perché riposa, mentre la vignetta parla alla pancia, che invece funziona sempre, e non va a cercare le contraddizioni.Buon lavoro e buona giornata.

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!