Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 10 dicembre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La banca non sbanca

Pubblicato martedì 15 marzo 2016 alle 08:32:28 - By Nicola Luccarelli

La Banca...matrigna

 

Vignetta di Roberto Mangosi

 

E se la banca fallisse? Impossibile, quando mai è successo? Nel mondo si può nascere, crescere e fallire in ogni cosa, ma per gli istituti di credito questa regola non vale, no no per loro assolutamente no! Per questi giganti dell' economia mondiale c'è sempre una ciambella di salvataggio che si chiama cittadino onesto.


Grazie alla Bai Lin la banca non sbanca. Potrebbe sembrare uno slogan e infatti avete colto nel segno. Questa fantomatica Bai Lin (che non è una gentile signorina di origine asiatiche ma una norma europea), permetterebbe a questi colossi di salvarsi grazie alla moneta del nostro cittadino o cavaliere senza macchia, senza paura e senza cervello oserei dire.


Questo intrepido e coraggioso individuo, oltre ad aprire un conto nella banca malandata, si accollerà tutti i suoi debiti, diventando per tutti un vero eroe romantico, sì ma con le tasche completamente vuote, però.


Dulcis in Fundo, il nostro cavaliere che chiameremo Lancillotto (ogni riferimento è puramente casuale), sarà alla merce del suo mutuo secolare. Se, infatti, salterà alcune rate, la banca si papperà la sua umile dimora. Che siano 7, 18, 36, 15 milioni di miliardi le rate che non verranno saldate, la banca chiederà sempre il conto.


Cornuto, mazziato e rapinato, il nostro cavaliere dovrà diventare errante come Don Chisciotte. E' giusto tutto ciò? Bisognerebbe invertire la rotta? Per andare dove poi? Tanto, ormai la banca è tutta intorno a te... quindi, paga e zitto!


Nicola Luccarelli

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!