Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 06 aprile 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Il tempo passa, ma gli “Starace” non cambiano…

Pubblicato venerdì 27 maggio 2016 alle 19:51:13 - By Enrico Bertuccioli (EBERT)

Starace: terrorizzare i dipendenti..

 

Vignetta di Ebert

 

Francesco Starace, l’amministratore delegato dell’Enel, suggerisce ai giovani della Luiss l’uso di squadracce aziendali per distruggere chi si oppone alla sua visione dei rapporti interni all’azienda, e seminare paura nell’intera organizzazione.


” Bisogna inspirare paura ai dipendenti”, ha sentenziato con impudenza disarmante, quasi non si accorgesse come “suonavano male“ le sue parole, forse esaltato da questo suo cognome che ricorda un altro Starace, tutt’altro che un fior di democratico, fedelissimo di quel tipo che arringava la folla dal balcone di Palazzo Venezia…


Siamo sulla stessa linea di uno che arringa anche lui la folla, ma a colpi di tweet, quel tal Matteo Renzi da Firenze, con il suo Job act, pur con una differenza non da poco: lo Starace dei nostri giorni ne vuole “terrorizzare uno per educarne cento”; Matteo da Firenze ne vuole terrorizzare qualche milione per educarli tutti”. D’altra parte:”potere oblige”.


E dove dovrebbe portare tutto questo? Precariato diffuso, instabilità economica, assunzioni a tempo indeterminato, dove però il padrone ti può mandare“fuori dalle balle” quando vuole. Sigh…


Gli italiani hanno assimilato “il pacchetto indigeribile, pur con qualche mugugno e timida protesta", ma i francesi, no, è cronaca di questi giorni. Loro sono “incazzati di brutto“…e qualcuno dovrebbe ricordare (leggi Matteo…) che l’ondata rivoluzionaria del 68 è nata dai movimenti di piazza dei parigini, poi estesasi in tutta Europa…

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!