Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 19 novembre 2018
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Zuckerberg attraverso lo specchio

Pubblicato venerdì 23 settembre 2016 alle 07:52:39 - By Lorenzo Zaccaria

Attenti a Facebook...

 

Vignetta di Tomas

 

Un giorno di non troppo tempo fa un giovane, di nome Mark Zuckerberg, se ne stava tranquillo a casa, giocando con il suo gatto Oreste. Preso dalla noia si guardava intorno, guardava le pareti della casa, il tavolo con sopra una scacchiera e lo specchio. Anche nello specchio c'era una casa e il tavolo con sopra la scacchiera soltanto che, come in tutti gli specchi, gli oggetti erano l'opposto di quelli di casa sua.


Il giovane Mark si chiese: "chissà com'è il mondo dietro a quello specchio, chissà se la mia faccia (Face-) potrebbe attraversarlo e vedere tutto quanto, come se fosse scritto in un libro (-book)! Appena ebbe pensato questo si avvicinò allo specchio, un alto specchio, tutto dipinto di blu. Con sua grande sorpresa lo specchio non era solido e il rigido vetro non fermava il naso del giovane che si avvicinava. Curiosamente il giovane Mark Zuckerberg si trovò ad attraversare lo specchio e da lì vide un nuovo mondo.
 

Ciò che vide lì era simile al mondo esterno ma, a suo modo, diverso. All'interno vide tutte le foto di persone che conosceva ma soltanto in pose assurde e sempre accompagnate da frasi apparentemente profonde. Vide anche un sacco di giornalisti che gli urlavano addosso qualsiasi notizia, vide persone fingersi giornalisti che le notizie se le inventavano. Vide una pletora di cinquant'enni che citavano papa Francesco e fascisti che ricordavano nostalgici il duce.


"Che bel posto - pensò il giovane - chissà se posso farlo conoscere a tutti quanti, in modo da fare un sacco di soldi intasando il mondo di banner pubblicitari!"


Questo fu quello che il giovane Mark Zuckerberg pensò e fu proprio quello che fece. Anche voi, se volete potete vedere il mondo speculare attraverso lo specchio. Siete i benvenuti nello specchio, siete i benvenuti su Facebook.


Lorenzo Zaccaria

 

 

 

 

 

 

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!