Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 10 dicembre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Siamo in guerra a nostra insaputa

Pubblicato venerdì 11 marzo 2016 alle 20:20:17 - By Mario Airaghi

una guerra...a insaputa

 

Vignetta di Mario Airaghi

 

Siamo in guerra. Sì, davvero? Io, devo dire la verità, non me ne ero accorto. Ormai se un paese entra in guerra contro un altro, l' ultimo a saperlo è il popolo. E così, anche in Italia, stiamo prendendo quella strada. Intervenire o non intervenire in Libia? Questo è il problema: partire insieme alla Nato (sempre se parte), o rimanere a scaldare la poltrona? Altro che Amleto, qui ci vorrebbero tutti i personaggi di Shakespeare, messi insieme, per sbrogliare la matassa.


Per confondere un po' le acque, come va di moda al giorno d'oggi, si usa la lingua anglosassone, diventata la panacea di tutti i mali. E allora si parla di conflict, resolution, war, weapons, international accord, jobs act, spending review, no questi ultimi due no, sono un' altra cosa, non so come ci siano finito nell' elenco, scusate.
 

Comunque avete capito di cosa parlo vero? Ai tempi dell' antica Grecia, i politici venivano chiamati 'sofisti', cioè coloro che parlavano senza dire niente. Beh, direi che da allora le cose non sono cambiate poi molto. I nostri politici continuano a parlare un idioma che capisco poco, usandolo un po' come viene, a caso insomma, per non dire altro.


 E così si viene a creare quel marasma generale in cui non si capisce più niente, e in cui il cittadino non sa più a che politico votarsi. L' Italia, da sempre, non ha mai preso una posizione e diciamo che fino ad ora c'è andata bene così. A noi, la Svizzera ci fa un baffo.
 

Ma quando verrà il momento di alzare quel fondoschiena dalla poltrona, i nostri capi di stato continueremo a parlare inglese o la loro e anche la nostra lingua madre? Una cosa è certa, però, se son rose fioriranno e se son cachi... beh... ci siamo intesi.


Nicola Luccarelli

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!