Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 07 luglio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Come spiegare la guerra ai bambini (in un mondo ideale)

Pubblicato lunedì 21 luglio 2014 alle 15:11:34 - By Alessia Telesca
 
Come la spieghi ad un bambino la guerra? Inevitabilmente ne sentirà parlare, udirà i commenti dei grandi e, anche inconsciamente o semplicemente per caso, si imbatterà in foto stampate sui giornali e in servizi televisivi che, suo malgrado, non sarà ancora in grado di capire.
Quando ero piccola io, classe 1987, adoravo i telegiornali e non me ne perdevo uno, mi incantavano le carrellate di notizie dettate da un personaggio centrale (il giornalista a conduzione del Tg di turno) e da voci che variavano in continuazione (quelle dei giornalisti dei vari servizi); non capivo tutto ciò che vedevo, anzi molto poco vista l’età (per me Buscetta era la moglie di Bush vista l’assonanza dei nomi e Cgil, Cisl e Uil erano un unico acronimo simpatico – CGILCISLEUIL – vista la frequenza con cui i nomi, così musicali pronunciati insieme, erano accostati)… 
 
Ma la guerra quella la ricordo, quelle immagini mi impressionavano, ne capivo la bruttezza e l’orrore, capivo che era brutta e faceva paura, ma non capivo perché ci fosse, perché esistesse.
Durante le guerre di Jugoslavia degli anni ’90, un giorno mia madre mi trovo piangere da sola, in un angolo, dopo il Tg. Mi chiese perché piangevo e io le dissi che era per la guerra, perché in tv avevano detto che si combatteva vicino casa nostra; certo, intendevano sulle coste di fronte l’Italia e non accanto alla mia residenza, ma io cosa ne potevo sapere? E poi, c’era realmente differenza? Solo perché si trattava di chilometri e non di qualche passo, aveva davvero un senso non averne paura e sentirsi tranquilli?
 
Come puoi spiegare ad un bambino come scoppia una guerra? Come puoi dirgli che ci sono davvero bimbi che sentono gli scoppi delle bombe ancor prima del buongiorno della mamma? Il bambino è la cosa più bella e pura del mondo, è l’essere più intelligente sulla faccia del Pianeta, è la maturità che fa regredire l’uomo. Un bambino la guerra non la capisce perché per lui non deve esistere, perché al massimo si può litigare per chi corre più veloce o per chi ha il peluche più bello ma poi, dopo qualche capriccio e qualche arrabbiatura simpatica, si trova un modo per giocare insieme e condividere il gioco. 
 
Come spiegare ad un bambino cos’è la guerra? Non spiegatela, imparate a non conoscerla insieme a loro, fatevi insegnare a condividere i giochi esattamente come fanno loro e a fare qualche linguaccia a quelli che proprio sono antipatici, senza arrivare alla violenza.
 
Se un bambino non capisce cos’è la guerra è perché non deve esistere, perché i bambini capiscono tutto. Tutto ciò che c’è di buono al mondo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!