Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 03 aprile 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Ricambio sessualgenerazionale

Pubblicato martedì 06 maggio 2014 alle 11:44:19 - By Alessia Telesca

 

Vignetta di Ettore Frangipane

 

Sesso dopo il matrimonio, sesso come atto rivoluzionario o sesso a pagamento?
 
Quante parole intorno al sesso e quanto pudore ostentato per nascondere quegli atti “impuri”, ma così naturali, che si compiono da quando esiste l’uomo se non prima..
 
Quella della prostituta è il mestiere più antico del mondo e allora perché scandalizzarsi ancora oggi? Che sarà mai, ogni generazione ha avuto i suoi bei problemi con il sesso ed ogni generazione si considera più morale (o moralista) e pudica di quella che segue.
 
Prima era argomento tabù ed erano definiti immorali tutti quelli che facevano figli  prima del matrimonio (si criticava il vicino, ma ci si nascondeva poi nel segreto della propria camera da letto per dare sfogo alle proprie passioni). 
 
Negli anni ’70 il sesso è diventato uno strumento di ribellione e l’amore  privo di tabù era vissuto come una rivendicazione di libertà e autonomia. 
 
Negli anni ’80 e ’90 i giovani adolescenti, alle prese con una tv in pantaloncini e con le sgambettate di Non è la Rai, facevano sesso in gran segreto dai genitori e sperimentavano le prime gioie amorose con timore ed inesperienza. 
 
E i giovani di oggi? I più furbi (o forse i più soli?)! Altro che precetti moralisti o rivendicazione rivoluzionaria, loro con il sesso ci campano e ci guadagnano.. E allora via a foto osé, baby squillo, ricatti e vendita di corpi ancora acerbi, tanto se è il lavoro più antico del mondo perché non lo si può anticipare ai 14 anni di età? (fosse lecito ci si porterebbe anche avanti con i contributi pensionistici).
 
Ma questi giovani spudorati e precoci chi li ha cresciuti? Gli adolescenti degli anni ’90 impacciati, i rivoluzionari degli anni ’70, i conservatori dei 50? E le generazioni successive? Saranno Mecha ermafroditi o chiuderanno un cerchio tornando ai tempi della censura assoluta? Ai posteri l’ardua sentenza, sempre se non saranno impegnati in qualche stanza di motel..
 
 
 
 
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!