Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 07 luglio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Wave Gotik Treffen

Pubblicato mercoledì 11 giugno 2014 alle 22:45:50 - By Alessia Telesca

 

 

Illustrazione di Dan Sapunar Bengtsson

 

 

Conoscete il Wave Gotik Treffen? È un evento straordinario, un festival musicale eccentrico che si tiene ogni anno a Lipsia, in concomitanza con la festività della Pentecoste. La manifestazione è dedicata alla cultura dark in ogni sua forma e comprende rappresentanze musicali e fisiche, tutti i partecipanti hanno un riconoscibile abbigliamento e prendono parte a danze e rassegne tipiche.
 
Ci sono così delle caratteristiche fondamentali per prendere parte a questo grandioso evento musicale e culturale, elementi imprescindibili per sentirsi parte della comunità.
Innanzitutto il fatto che si parli di cultura “dark” fa intendere sin dal principio il colore preponderante per questi giorni di festival, a partire dall’abbigliamento. 
 
Ragazzi e ragazze bionde rischiano quindi di essere discriminate (bel problema visto che il Wave Gotik Treffen si tiene ogni anno in Germania dove, almeno per luogo comune, sono tutti biondi; per una volta, però, gli emigrati con i capelli scuri saranno avvantaggiati), anche se, al loro arco, hanno qualche freccia da tirare per potersi salvare da inevitabili sguardi stupiti: ci sono sempre le parrucche, meglio nere, anche se i colori sgargianti, tipo fucsia e arancione evidenziatore, non sono disdegnati; il biondo naturale può sempre diventare un ossigenato alla Donatella Versace (il suo look vampiresco sarebbe molto apprezzato), il biondo eccessivo sembra piacere, mentre la terza strada percorribile, la più radicale ma comoda se la temperatura supera il 30 gradi, è quella di rasare la testa, al massimo lasciando qualche divertente e altissima cresta, da colorare di nero, ovviamente.
 
Per quanto riguarda il colore della pelle, anche qui ci sono dei ritocchi da fare non indifferenti. Se per i capelli il nero ed i colori accesi erano i prediletti, per il viso è necessario ricorrere alla cipria, la stessa che Kirsten Dunst utilizzava per interpretare Maria Antonietta. Pelle bianca, bianchissima, opaca come una bambola di porcellana.
Questo perché il trucco di occhi e bocca, rigorosamente neri e rosso intenso come il sangue, devono risaltare sul volto candido, a perfetto contrasto; diciamo che se siete in dubbio potete ispirarvi all’outfit di Nosferatu o al volto del pagliaccio It, tralasciando il naso rosso.
 
Il look, ovviamente, è importante, e comprende abiti, pizzi, borchie e tutto ciò che sembri cattivo ed eccessivo, quasi come si dovesse partecipare ad una festa di vampiri, intesi nel senso romantico del termine e non in quello moderno che la televisione ci ha obbligato a vedere.
 
Eccesso di nero, sguardo cattivo, pelli bianche e musica metal, di quella un po’ urlata, un po’ cantata, che qualche ben pensante definirebbe “infernale”, sono le caratteristiche fondamentali del Wave Gotik Treffen.
Se non avete paura dei vampiri, ed il look di Marilyn Manson, in fondo, vi ha sempre suscitato simpatia, potete star tranquilli, nessuno vi succhierà il sangue; probabilmente anche il vostro vicino di casa, dalla cui spazzatura, ogni tanto, si scorge inspiegabilmente una calza a rete ed un rossetto rosso sangue finito, si diverte a suon della musica di Satana, ma così vestito non lo riconoscerete mai.
 
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!