Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - sabato 16 gennaio 2021
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

“Il Mondo in una Vignetta” di Pietro Vanessi: Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più…

Pubblicato venerdì 26 dicembre 2014 alle 14:43:00 - By Pietro Vanessi (PV)

 

satira societa

 

Ogni volta che sento il Presidente del consiglio, Matteo Renzi, fare l’elogio dell’ottimismo e invitarci ad avere un sentimento di sana fiducia verso l’avvenire, lo confesso, ho quasi un SENSO DI COLPA e, con me, immagino tanti sfiduciati italiani…

 

E poi ormai lo sanno tutti: meno si chiede alla vita e meno si ottiene. Ma noi ancora non lo abbiamo capito che dobbiamo volare alto e “sperare, immaginare, desiderare e, se non basta, arraffare” tutto quanto possibile.

 

Ma lo hanno ben compreso i politici, di qualsiasi schieramento. Non passa giorno che la magistratura non scoperchi qualche maleodorante cloaca dove si agitano personaggi che fanno man bassa del denaro pubblico, con allegra disinvoltura.

 

Loro, che sono ottimisti e fiduciosi, volano alto perché sanno che “più vogliono e più avranno”, mentre a noi, poveri pessimisti, non rimane  che “IL SENSO DI COLPA”.


A meno che, come in un celebre film di Sidney Lumet del 1976 “Quinto Potere”, non apriamo la finestra ed urliamo: “SONO INCAZZATO NERO E TUTTO QUESTO NON LO ACCETTERÒ PIÙ”.

 

(r. g.)

I vostri commenti...

Postato da Flavio :: martedì, 30 dicembre 2014 - 16:15:44

Meglio i forconi ... :D

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!