Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 25 maggio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

“Il Mondo in una Vignetta”: Greta e Vanessa “pagare o non pagare”?...

Pubblicato lunedì 19 gennaio 2015 alle 17:46:37 - By Romano Garofalo

satira societa

 

Greta e Vanessa


Che la priorità sia stata quella di salvare  la vita  alle due ragazze, ci sta…


Che il ministro Gentiloni non possa pubblicamente ammettere di aver pagato un riscatto, ci sta…


Che sia “privilegio” della gioventù commettere qualche cazzata, ci sta…


Che il padre di Vanessa, con arroganza e mancanza di riconoscenza, sostenga che la figlia non debba chiedere scusa agli italiani che hanno pagato la sua incolumità, non ci sta…


Forse l’amorevole genitore dovrebbe cominciare a risparmiare per rifondere l’erario del danno economico subito…


O forse il padre di Vanessa sa che una “assunzione di responsabilità” da parte delle due ragazze comporterebbe una possibilità di questo tipo?...


In ogni caso, l’opinione pubblica, invece di schierarsi contro il pagamento di un riscatto perché “salvare una vita umana è una priorità che non ha prezzo   (vedere le due ragazze in ginocchio, con alle spalle un boia-tagliagole con coltellaccio in mano, è un “orrore” che non riesco neppure ad immaginare…), dovrebbe interrogarsi se una situazione di questo tipo non rientri in una giusta  richiesta che lo stato debba, o sia addirittura in obbligo di fare...


Spendo anche due parole sulla “ignobile” affermazione del senatore Gasparri (un nome che è una s’garanzia), sulla concessione di “favori sessuali” in cambio della incolumità. Nessuno è autorizzato ad illazioni, tanto più che Greta e Vanessa hanno già detto di non aver subito abusi.


Ma quand’anche, “per una pura ipotesi”, si fosse verificato quanto dichiarato, non vedo cosa ci sarebbe stato di tanto riprovevole dal momento che si trattava di “salvare la pelle”. Non tutti possono essere Santa Maria Goretti, e neppure è richiesto dalla morale dei nostri tempi.


Vorrei proprio vedere come si sarebbe comportato il senatore Gasparri in una situazione del genere, se non avrebbe sacrificato qualcosa, magari “l’ onor virile” pur di riportare a casa la sua testa attaccata, alcuni dicono, al suo… inutile collo.

 

(r. g.)

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!