Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - mercoledì 23 settembre 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Gesù ha predicato pace, amore, comprensione, pietà. Ma qui vedo tanti cristiani che le sue parole non le hanno proprio ascoltate!

Pubblicato sabato 20 febbraio 2016 alle 18:16:27 - By Jacopo Fo

Lasciamo per un attimo da parte la questione dei gay e delle lesbiche, i miei amici me lo permetteranno, (ovvio che negare i diritti degli omosessuali fa schifo!!!)… Ma porca di una miseria zozza, io sono vent’anni che convivo con una donna meravigliosa e ancora oggi se finisco all’ospedale lei non può mettere bocca perché non è mia moglie dal punto di vista burocratico e non ho modo di dichiarare: amo questa donna e lei è la mia compagna!

 

E siamo un uomo e una donna, quindi non avete neanche la scusa che non rispettiamo qualche legge di natura (inventata e falsa visto che è pieno di animali gay, a partire dai bonobo che condividono il 97% del nostro dna e sono bisessuali in maniera pazzesca!!!). Quindi, perché da più di vent’anni si deve fare sta legge e non si fa?

 

Per dichiarare che una donna è la mia compagna devo fare le pubblicazioni, ancora nel 2016? Ma non siamo nel Medioevo! Devo fare le carte in Comune e poi il sindaco o un suo delegato ci sposa? Ti piace a te? Fallo! Non sono mai venuto a manifestare contro i matrimoni in Comune, in chiesa, nella sinagoga, nella moschea, nel tempio indù. Ma sposatevi dove vi pare e come vi pare. Non me ne curo. Non sono fatti miei. Ma tu però non mi vieni a rompere le palle sulle mie scelte!

 


Non voglio che lo Stato entri nella mia vita, aborro mischiare il miracolo dell’amore con i timbri. E non devo spiegare il perché a nessuno. È una mia scelta e pretendo che sia rispettata!

 

E se tu sei cristiano dovresti leggerti un paio di pagine del Vangelo, ogni tanto, che ti farebbe bene ascoltare la voce del Signore. Che lui era una brava persona. Uno che ha detto: “Perdonate loro perché hanno peccato per troppo amore.” E ha detto anche che è più facile che un cammello passi nella cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei cieli. Cioè, tu hai un Dio che caccia i mercanti dal tempio! Fai le debite proporzioni? Ma vai a fare il Family Day contro i mille ricconi che possiedono la maggioranza delle ricchezze del mondo!

 

Chi vuole impedire che io e Eleonora, che ci siamo sposati nell’amore, si possa avere gli stessi diritti civili di una coppia sposata ufficialmente compie un sopruso e una boiata pazzesca. Vergognatevi.
L’unica consolazione è che adesso è successa una cosa incredibile: c’è un Papa che si è convertito al cristianesimo!

 


Ascoltate le sue parole! Lui dice: il matrimonio è un sacramento. E così com’è va rispettato! Giusto! Poi bisogna avere comprensione per gli altri. Giusto. Comprendeteci e rilassatevi sulle unioni civili. E lasciate in pace anche i gay e le lesbiche. E se poi vi capita di convertirvi anche voi al cristianesimo applaudiamo.

 

Jacopo Fo

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!