Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 31 marzo 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Ogni tanto ripenso con nostalgia al giorno del mio matrimonio…

Pubblicato sabato 10 maggio 2014 alle 14:30:24 - By Alessandra Pelegatta

 

 

Ogni tanto ripenso con nostalgia al giorno del mio matrimonio.
 
Il pranzo di nozze si è svolto nella tipica cascina fuori Milano, dove di solito il menù consiste - anche in estate inoltrata con 31 gradi all’ombra - in: ravioloni di carne con sugo di lepre; pasta all’uovo fatta in casa condita con panna, besciamella e funghi; brasato con polenta e gorgonzola; ossibuchi con le cotiche e le verze. Il tutto intervallato dall’orripilante sorbetto al limone, perché, secondo la bizzarra teoria dello chef, fa molto “novelle cousine” provocare allo stomaco, dopo il calore impietoso dei primi piatti, un improvviso quanto traumatico calo termico; tutto questo per poi riabituarsi repentinamente al sapore delle verze bollenti.
 
Al momento del dessert, dopo circa sette ore dall’inizio del pranzo, gli invitati hanno cominciato ad assumere una strana espressione catatonica, motivata anche dall’esibizione interminabile di “Silvano e la sua orchestra”, il cui repertorio andava dai Cugini di Campagna a Pupo, passando da Peppino di Capri a Gino Paoli; nel bel mezzo della Bassa Milanese era curioso ascoltare “sapore di sale, sapore di mare, che hai sulla pelle, che hai sulle labbra”, quando in realtà l’unico sapore che ti sentivi in bocca era quello del brasato con le cotiche che saliva e scendeva al ritmo dei favolosi anni ’60.
 
Poi finalmente, come un incubo che finisce, alle dieci di sera tutti a casa a stramazzarsi sui propri letti, dopo essersi tracannati un provvidenziale tazzone gigante di acqua e bicarbonato. Prima di addormentarmi, un ultimo pensiero: il ferreo proposito di convincere chiunque - parenti, amici, figli e nipoti - che ormai siamo nel ventunesimo secolo e non c’è più bisogno di sposarsi; anzi, che la convivenza è un atto serio e responsabile, da persone adulte e mature.
 
Per il viaggio di nozze ci siamo avventurati in una di quelle isole da sogno, un vero angolo di paradiso terrestre; era da molto tempo che mio marito sognava di visitare un luogo esotico, con le spiagge bianche, le palme, il mare trasparente, i tramonti dai colori inverosimili e le capanne in mezzo alla foresta (dotate però di ogni comfort, compresa l’antenna parabolica per non perdersi il derby Milan-Inter); immancabile poi la presenza del tipico indigeno-schiavo, pronto a esaudire ogni desiderio, dal cocktail analcolico a basa di frutta al massaggio rilassante con olii essenziali. Peccato che, essendo la stagione dei monsoni, nell’arco di una settimana ha piovuto sei giorni di fila, l’antenna parabolica si è guastata - con relativa crisi nervosa di mio marito perché “chi cazzo me l’ha fatto fare di venire in quest’isolaccia deserta di merda quando a quest’ora ero sul divano a guardare il Milan su Sky” - e in più, gli indigeni-schiavi erano in sciopero per una spinosa vertenza sindacale con i proprietari del villaggio-vacanza; al ritorno dal viaggio, per colpa del grave stress emotivo provocato dalla mancanza di calcio (nel senso di football), mio marito si è preso un’altra settimana di vacanza ed è andato a Las Vegas per riposarsi.
 
Nonostante queste piccole contrarietà, la nostra vita matrimoniale è sempre stata soddisfacente; mai un litigio, mai una discussione, mai una parola fuori luogo o uno scatto di nervosismo. Al contrario, un dialogo costante, tanta comprensione e rispetto reciproco. Certo, non era facile trovarlo al telefono, vista la differenza di fuso orario tra il Nevada e l’Italia; però, quelle poche volte che siamo riusciti a sentirci, abbiamo fantasticato sul suo rientro a casa o sul mio trasferimento a Las Vegas. Solo che lui avrebbe voluto fare le due cose contemporaneamente, e allora non avremmo certo risolto il problema delle bollette telefoniche.
 
Un giorno mi ha telefonato e mi ha chiesto, con tono commosso, se volevo un figlio da lui. Con pari commozione, naturalmente, ho risposto di sì, felice come non lo ero mai stata: così, lui è tornato a casa e mi ha portato Kevin Pasquale, un bel bambino che assomiglia tanto al suo papà e un pochino, credo, anche alla sua mamma, una ballerina del Gran Casinò di Las Vegas.
 
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!