Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 07 luglio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

A proposito delle auto blu...

Pubblicato venerdì 06 dicembre 2013 alle 18:01:11 - By Romano Garofalo

 

 
Ben venga l’abolizione delle auto blu…
 
Carlo Cottarelli, commissario straordinario per la spending review, recentemente ha affermato in TV una cosa, per me, assolutamente sconvolgente: nel Regno Unito vi è una sola  “auto blu”, quella del Premier, ad esclusione, ovviamente, delle vetture adibite alla famiglia reale. Cottarelli ha anche detto che, per quel che lo riguarda, avrebbe ridotto notevolmente le auto blu dei parlamentari.
 
Sembra che la notizia si sia rapidamente propagata presso i parlamentari di Montecitorio suscitando reazioni allarmate e di grande preoccupazione. Alcuni onorevoli hanno immediatamente fatto le loro energiche rimostranze ai loro colleghi d’oltremanica affermando che, con la rinuncia alle auto blu, avrebbero dato un pessimo esempio ai parlamenti di tutta Europa creando un grande pericolo d’emulazione. Altri parlamentari hanno minacciato di boicottare tutte le merci in arrivo dal Regno Unito, per non parlare di un gruppo di estrema destra che ha riesumato tutto l’armamentario polemico di antica data contro la perfida Albione.
 
L’onorevole Brunetta, infine, per non rinunciare all’auto di rappresentanza ha fatto subito domanda per essere incoronato Re d’Italia. Poiché autorevoli costituzionalisti gli hanno fatto presente che la cosa poteva essere alquanto problematica, e per di più i Savoia hanno subito detto che "prima c’erano loro”, l’onorevole Brunetta si è consolato perché, in mancanza dell’auto blu, se costretto a prendere un mezzo pubblico almeno avrebbe pagato biglietto “ridotto”.
 
Eppure i nostri onorevoli non hanno capito che abbandonare l’auto blu e prendere, ad esempio, il tram, avrebbe certamente avvicinato il “palazzo” alle persone comuni. Ve l’immaginate salire su un mezzo pubblico ed incontrare, ad esempio, l’onorevole Bersani? Prima vi sincerate che sia proprio lui, e non Crozza, e poi iniziate a dialogare amichevolmente con frasi del tipo: “Come va la famiglia?”, “Come stanno i figli?”, “E vostra moglie come se la passa?”…voi gli fate presente che siete in cassa integrazione e lui vi risponde che deve contrastare Matteo Renzi che vuole impadronirsi del partito, voi gli dite che non riuscite ad arrivare a fine mese e lui si lamenta che “le larghe intese” sono entrate in una profonda crisi, voi gli sottolineate che temete per il futuro dei vostri figli e lui teme una probabile crisi di governo…
 
Sai che bel dialogo, che comunità d’intenti, amichevole familiarità si instaura tra lui, rappresentante del potere, e voi rappresentante dell’uomo comune: finalmente la reciproca distanza, tante volte lamentata, si ridurrà sensibilmente. Pertanto ben venga, cari onorevoli, l’abolizione delle auto blu: vi conviene, credetemi…
 

I vostri commenti...

Postato da Bm :: lunedì, 02 dicembre 2013 - 19:17:20

...se fossi in loro non mi azzarderei a salire in un autobus senza la dovuta scorta. Si rischia grosso...

Rispondi al commento >
Postato da Francesca :: domenica, 08 dicembre 2013 - 11:47:46

In tutti i dibattiti televisivi (anche troppi), non ho mai sentito la stima di quanti soldi ricaverebbe lo stato vendendo quasi tutte le auto blu come beni pubblici (mini-privatizzazione statale).Gli autisti, secondo me, non dovrebbero perdere i posti di lavoro, ma vanno ricollocati, ad esempio, nelle societa' di trasporto urbano. Ovviamente, in questo modo non ci sono piu' tutte le spese di manutenzione ecc.

Rispondi al commento >
Postato da einrix :: venerdì, 13 dicembre 2013 - 23:26:21

Facevo il dirigente di azienda privata (sono felicemente in pensione da alcuni anni) ed avevo due auto aziendali, da usare per ragioni di lavoro e per fatti miei, ma in genere non erano blu. Erano grigie, Rosse, gialle - specie quelle sportive, quasi nessuna blu. Nell'azienda dove lavoravo, vi erano almeno milleduecento dirigenti con almeno una macchina aziendale, e molti, come me, due. Che bello, nessuno ne parla. Che se la prendano pure con i politici, e noi che prendiamo da sette a settemilavolte la paga di un operaio, vivremo felici. Per non parlare di quelli che la macchina se la comprano con i soldi che risparmiano non pagando, ohps! evadendo le tasse, o scaricandola sul bilancio dell'Azienda. Anche loro sono contenti che si parli delle macchine blu dei politici, così nessuno parla delle loro.
Tanti saluti a tutti.

Rispondi al commento >
Postato da GG :: venerdì, 12 ottobre 2018 - 17:49:56

:O

Rispondi al commento >
Postato da simo :: venerdì, 12 ottobre 2018 - 17:50:20

cosa?

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!