Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 21 ottobre 2019
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

I venditori della politica: breve excursus storico

Pubblicato sabato 29 marzo 2014 alle 13:25:36 - By Romano Garofalo

 

Vignetta di Mario Airaghi

 

Sarebbe bello pensare che la storia venga fatta dai pensatori, dagli intellettuali, dagli scrittori, dai filosofi ecc., ma purtroppo non è così: la storia è fatta dai “venditori”, cioè da tutti coloro che si rivelano abili nel vendere la loro merce, buona o cattiva che sia. Per costoro la verità è spesso un optional: ciò che conta è il modo con cui riescono a vendere, a persuadere, cercando di farti acquistare il loro prodotto con atteggiamento acritico, senza un’adeguata e corretta valutazione.


Naturalmente vi sono differenze, anche notevoli, tra i vari venditori che si sono succeduti nel corso della storia. Grandi venditori sono stati i dittatori. Ad esempio, Benito Mussolini, quando dal famoso balcone vendeva la sua merce, quasi sempre di pessima qualità, al popolo sottostante, plaudente ed osannante, è stato sicuramente un grande venditore.


Poi dai balconi si è passati ai palchi in piazza delle democrazie ma, anche in questo caso, gli oratori che si succedevano erano anch’essi dei venditori, studiavano il modo di porgersi, l’arte oratoria, le argomentazioni , così da “convincere”, che era poi uno sistema meno autoritario di vendere.


Infine si è arrivati ai “venditori televisivi”. In questo furono certamente maestri gli Americani. Se così non fosse, non si capirebbe come mai un personaggio come George W. Bush sia stato eletto per ben due volte alla presidenza degli Stati Uniti. Diciamo la verità, da uno come lui non si dovrebbe comperare, non solo un’ auto usata, ma neppure un pezzo di ricambio.


Ed eccoci arrivati al più grande venditore italiano, Silvio Berlusconi che, sulla scia dell’insegnamento USA, utilizzando le sue TV, ci ha “piazzato” per vent’anni la sua merce…ed ora sembra sia comparso sulla scena anche un suo degno erede: speriamo non superi il maestro…Dunque, se lo scenario è questo, come ci possiamo difendere? A scelta:


- La soluzione che potrebbe sembrare la più semplice e naturale sarebbe quella di spegnere la TV ogniqualvolta compare un “piazzista politico”, ma non funziona: viviamo nella multimedialità cosicché il nostro piazzista, se non passa dalla porta, potrebbe passare dalla finestra…


- Si potrebbe registrare il discorso del piazzista politico, inserirlo in un decodificatore e cercare di dividere “le balle dalla verità”, in modo da avere una rappresentazione abbastanza veritiera delle cose. Ma anche questo potrebbe non servire perché il decodificatore potrebbe vendertelo lo stesso piazzista e, quindi, lo può manipolare a piacere.


- Cosa vi rimane? Forse niente, ma potete sempre mandare “affanculo” il vostro piazzista ogniqualvolta lo vedete in TV. Politicamente serve a poco ma, almeno, gli fate civilmente capire che siete in profondo disaccordo…

Romano Garofalo

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!