Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 07 luglio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

L’unto del Signore colpisce ancora...

Pubblicato venerdì 13 dicembre 2013 alle 20:25:59 - By Romano Garofalo

 

 
Prima della partita Milan – Ajax, Silvio Berlusconi si è presentato a Milanello ed ha abbracciato, uno ad uno, tutti i giocatori al fine di galvanizzarli e infondere loro “un’aura vincente”. In effetti, il Milan, una squadra che negli ultimi tempi aveva avuto risultati alquanto deludenti, pur con dieci uomini in campo è riuscito a strappare il risultato ed a passare il turno degli ottavi, fino a far esclamare all’onorevole Biancofiore, quasi in una esaltazione mistica: “AL MIRACOLO, AL MIRACOLO!”...
 
La notizia si è ben presto propagata presso l’universo mondo dei diversamente abili e degli ammalati che hanno cominciato, numerosi, a recarsi in devoto pellegrinaggio ad Arcore, storica dimora di Berlusconi. Un anziano paralitico fin dalla nascita, trascinandosi faticosamente fino al cospetto del Cavaliere, lo ha implorato che lo facesse camminare. Berlusconi lo ha guardato fisso negli occhi per alcuni secondi, gli ha imposto entrambe le mani sul capo, poi gli ha intimato bruscamente: “ALZATI, E CAMMINA!” 
 
Non abbiamo notizie di prima mano ma, secondo Daniela Santanchè, il vecchietto non solo ha iniziato a camminare con speditezza, ma sembra che abbia preso a correre i cento metri piani in 9 secondi e 90’. Il ministro Alfano, venuto a conoscenza dell’accaduto, ha fatto in fretta armi e bagagli e, dopo aver lasciato i suoi compagni di cordata ministeriale, si è precipitato a casa del Cavalier Berlusconi, ha fatto atto di contrizione ed ha chiesto di essere riammesso, nella ristretta cerchia dei fedelissimi…in fondo, un padre in odor di santità, ha pensato, può fare sempre comodo… Silvio, nella sua grande magnanimità, lo ha perdonato e gli ha solo imposto di ripetere cento volte la preghierina: "Io sono Silvio, dio tuo, non avrai altro Silvio al di fuori di me...".
 
Il cane Dudù, poi, si è presentato al cospetto dell’unto del Signore con un osso in bocca e gli ha fatto capire, con linguaggio canino, che desiderava la moltiplicazione degli ossi. Immediatamente, secondo quanto ci riporta Michela Brambilla, la stanza si è riempita di ossi, tanti, appetitosi, al punto che la stessa Brambilla ha suggerito a Berlusconi di officiare il tradizionale rito annuale della benedizione degli animali.
 
Infine, l’onorevole Carlo Giovanardi ha supplicato il Cavaliere di aiutarlo ad evitare, nelle manifestazioni pubbliche, di dire tante P......te, secondo quanto gli imputano i suoi maligni detrattori. Il Cavaliere ha fatto del suo meglio, ma gli esiti non sono stati quelli sperati: in certi casi, anche gli unti del Signore non possono fare miracoli...
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!