Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - venerdì 29 maggio 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Cibo gratis? Si potrebbe moltiplicare per dieci

Pubblicato lunedì 27 ottobre 2014 alle 19:55:23 - By Jacopo Fo

Buttiamo cibo sufficiente per 40 milioni di italiani. Si può far arrivare un po’ a 10 milioni?


Non è una fantasia: in questo momento la Caritas, Last Minute Market, Banco Alimentare e altri gruppi solidali stanno riuscendo a distribuire tonnellate di cibo in via di scadenza o con confezioni leggermente danneggiate, a decine di migliaia di persone. Mi chiedo perché un’azione così non la organizzino i partiti, i comuni, Renzi. Se si muovessero loro si potrebbe moltiplicare per 10, domani mattina, la potenza di questa macchina che recupera spreco alimentare e lo mette a disposizione di chi non ha soldi.

satira, società

Vignetta di Cecigian


Renzi, intanto che cerca 80 euro da dare a chi sta peggio, potrebbe mandare 80 euro di generi di prima necessità… Un grande lavoro ma la spesa sarebbe poca. Renzi potrebbe trasferire un paio di migliaia di impiegati sottoutilizzati (ce n’è…) a gestire questo lavoro. Potrebbero arrivarti a casa col corriere gli scatoloni, oppure potresti offrire ai supermercati detrazioni fiscali se organizzano da soli un sistema di distribuzione di alcuni prodotti gratuiti a chi è in possesso di una carta di credito sociale. Di modi per farlo se ne possono trovare tanti… Ma non si fa.


E lo stesso discorso potremmo farlo per le camionate di mobili, elettrodomestici, computer, vestiti, che finiscono quotidianamente in discarica (e sono un costo per la collettività). Potrebbero essere aggiustati e rivenduti a prezzi minimi, ci sarebbero posti di lavoro a centinaia e un ulteriore aiuto alle famiglie in difficoltà. Sarebbe pure ecologico.


Ma attenzione: non è solo il governo ad essere disinteressato alle “piccole” azioni pratiche.


Abbiamo proposto a Vendola di usare i finanziamenti pubblici a Sel per portare soccorso con iniziative dirette. Ha dichiarato più volte che lo avrebbe fatto. Non ha fatto nulla. E anche il M5S potrebbe utilizzare il finanziamento pubblico per un’azione così urgente (e sicuramente popolare) ma non lo fa. I soldi li restituiscono, azione meritoria, ma meno efficace dell’usarli direttamente. Se il M5S usasse direttamente i milioni di euro ai quali rinuncia, potrebbe oltretutto dimostrare la propria capacità di azione concreta. Ne avrebbe quindi anche un vantaggio enorme di immagine; un partito che si incarica di ridistribuire il denaro ottenuto attraverso la costruzione di sistemi di solidarietà… Bellissimo!


Sono anni che la corrente concreta del movimento progressista fa proposte di questo tipo a partiti, associazioni e sindacati. Ma ci guardano strano.


Io non ho ancora capito se Renzi è in grado di fare le riforme (e trionfare a lungo in Italia) oppure è un bluff (e finirà nella discarica della storia). Ma facciamo finta che voglia veramente modernizzare il Paese. Se è così sta facendo un errore. Finora gli è andata bene perché ha mirato a grandi azioni simboliche: la vaporizzazione del Senato, gli 80 euro, aggiustare le scuole… Ma a un certo punto dovrà ben passare alla fase del cambiamento vero. Cambiare l’Italia è un lavoro da artigiani, da orologiai.


Il grande ingorgo di leggi e controleggi, potentati e controlobby fa sì che per cambiare bisogna giocare una partita di shanghai.

 

Jacopo Fo

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!