Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 21 gennaio 2021
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Giuliano Poletti e i cervelli in fuga

Pubblicato giovedì 22 dicembre 2016 alle 10:52:00 - By Nicola Luccarelli

Giuliano Poletti e i cervelli in fuga

 

Vignetta di Vukic

 

Spariamo sempre a zero su tutto e tutti, ma sì dai. Ormai è diventato lo sport nazionale, ma quando la sparata è talmente grossa da diventar cattiva, qualcosa non va. Se poi la sparata in questione viene da un politico, un ministro del Lavoro e non un Poletti qualunque, beh noi comuni giovani mortali rimaniamo tutti a bocca aperta.


Secondo il ministro del Lavoro, certi cervelli in fuga fanno bene a emigrare all'estero, perché all'Italia non servirebbero a nulla! Beh, se il cervello in fuga fosse quello di Giuliano Poletti, non credo che sentiremmo molto la sua mancanza.


Prima di parlare, prima di dar fiato a qualsiasi cosa, prima di esprimere un concetto, bisogna pensare non una, non dieci, non cento, non mille ma un milione di volte, perché altrimenti si rischia di sparare cazzate assurde, che poi si ritorcono contro!


A chi? A tutti quelli che pensano con una parte del corpo che non è il cervello! Se l'Italia sapesse trattare le giovani menti, offrendogli un futuro, non avrebbero bisogno di chiedere asilo alla Germania, all'Inghilterra o gli Stati Uniti, è chiaro stu fattu?


Quindi, caro ministro, sua eccellenza, signor Poletti, prima di dare la sua opinione e poi correggere il tiro, bisognerebbe aggiustare la mira un po' in anticipo, per non continuare la gara e non essere eliminati.


Nicola Luccarelli

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!