Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 19 novembre 2018
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Il Gattopardo - due, ovvero “il cambiamento che non cambia”…

Pubblicato domenica 03 gennaio 2016 alle 18:19:31 - By Roberto Mangosi

Il cambiamento che non cambia...

 

Vignetta di Roberto Mangosi

 

E’ rimasta famosa la frase del celebre libro “Il Gattopardo” dello scrittore Tomasi di Lampedusa, riferita alla Sicilia  dell’epoca “tutto cambia per nulla cambiare”…


Dal tempo del Gattopardo ne sono passati di anni, ma questo paese, nella sostanza, è rimasto immutabile come la Sfinge egizia.


Ora è arrivato il rottamatore, Matteo Renzi, che ha promesso una “svolta radicale”, ma utilizza i sistemi e il vecchio armamentario politico del passato più deteriore, pescando “qua e là” il sostegno al suo governo, secondo le convenienze del momento.


Ma una cosa è cambiata rispetto al passato: il consenso, a causa dei molteplici mezzi di informazione, è molto più “volatile e mutevole”, per cui il potere in poco tempo si acquista ed altrettanto velocemente si può perdere.


Sarà pertanto vera gloria? Se va avanti di questo passo, ci crederà solo lui ed i suoi sodali quando, accanto al caminetto, precocemente invecchiati, riandranno con la memoria agli antichi fasti…


 “ Ti ricordi, Matteo, quando ancora contavano tanto nel paese?...eh, te lo ricordi?  “E come no, Maria Elena…bei tempi…quando quel  tipo sempre arrapato… come si chiamava… si, Berlusconi …si era fatto infinocchiare  con  il patto del Nazareno, mentre Salvini..a proposito che fine ha fatto Salvini ?...


”E’ un pezzo che non lo sento, Matteo ….anche lui sembra che abbia abbandonato la militanza politica  ed abbia messo su un negozio di felpe a Casalpusterlengo”… 


Ah, bei tempi, bei tempi, Matteo…a chi lo dici Maria Elena, a chi lo dici…ma passami il plaid per favore… rg

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!