Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 19 novembre 2018
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La guerra ripudia l' Italia

Pubblicato giovedì 17 marzo 2016 alle 20:38:44 - By Nicola Luccarelli

Armiamoci e partite...

 

Vignetta di Cecigian

 

L' Italia ripudia la guerra. No, non lo dico io ma la nostra costituzione. Allora perché sentiamo sempre la parola guerra dappertutto? In tv, sui giornali, sui social network, al bar, al ristorante, alla stazione, insomma proprio ovunque.


Sì, gli italiani sono un popolo pacifico, ma sempre pronto a farsi la guerra in parlamento, in ufficio, a casa, insomma ogni occasione è buona. Ecco che si spiega il significato di guerra, sganciare le bombe, i missili, lacrime e sangue.


In ogni frase che noi e i nostri rappresentanti (sempre che rappresentino qualcuno al di fuori di loro stessi), pronunciamo c'è sempre un riferimento al conflitto. Per non parlare dell' Isis che sta mettendo a dura prova la nostra bontà d' animo.


Eh sì, perché noi siamo buoni fino a prova contraria, fino a quando non ci toccano le nostre cose. Il nostro problema poi viene fuori quando siamo noi a voler toccare le cose degli altri, gabellandole per azioni di pace.


È bello essere gelosi di ciò che ci appartiene, ma bisognerebbe pensare che anche il nostro prossimo la pensa in questo modo. Vi ricordate com’è andata in Iraq, in Afghanistan, in Medio Oriente, insomma?


Allora bisognerebbe rivedere quell' articolo della costituzione e magari riscriverlo: 'L' Italia ripudia la guerra, ma se c'è qualcosa da arraffare, possiamo armarci comunque, e partire.' Semplice, chiaro e dritto al punto, in tutti i sensi.


Nicola Luccarelli

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!