Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 19 ottobre 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

aaa a a

欢迎到我们的完美的网站 

01 set 2017 Leggi tutto >

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Qui Quo Qua, e Zio Beppone…

Pubblicato giovedì 12 ottobre 2017 alle 09:10:16 - By Armando Lupini

 Qui Quo Qua, e Zio Beppone…

 

Vignetta di Armando Lupini

 

Viviamo in una repubblica parlamentare (scopro l’acqua calda, questo lo sanno tutti…)


Eppure quando qualcosa non va nelle aule parlamentari, ecco che i nostri deputati abbandonano il parlamento e si rivolgono direttamente alle piazze: al popolo sovrano, come amano dire…


E’ quello che è successo con il Rosatellum ed i Cinquestelle (e non solo loro…). Qui, Quo, Qua, al secolo Di Battisti, Fico e Di Maio e, in arrivo, Zio Beppone, si rivolgono direttamente alla piazza plaudente per criticare il Rosatellum.


Che sia buona o cattiva questa riforma elettorale, sono più sicuro che nessuno dei plaudenti grillini sappia cosa sia. Eppure applaudono a scena aperta, applaudono "a prescindere", qualsiasi cosa dicano i tre Qui, Quo Qua…


Tutto ciò mi ricorda una celebre gag del grande attore comico romano, Ettore Petrolini, che qui vi riporto:


Quella che segue è una scena tratta da uno dei suoi pezzi teatrali più famosi, Nerone. Nella scena, Nerone sta a casa sua e il popolo lo vuole morto perché ha incendiato Roma.
Allora va alla finestra e fa un discorso per calmare gli animi. Il popolo gli grida "bravo!" e Nerone risponde grazie. E questo gioco del "bravo-grazie" si ripete più volte creando un effetto comico esilarante.


Cesaretto te vonno ammazzà! Tu sei responsabile dell'incendio.


NERONE: Io responsabile dell'incendio? No! Sono assicurato con la Fondiaria.


POPPEA: Cesare, persuadi il popolo con uno dei tuoi soliti discorsi.


NERONE: Sta bene, parlerò col popolo, ma non mi lasciate solo... venitemi a tergo...


(Si avvia al podio, ma delle urla improvvise lo fanno retrocedere frettolosamente)


NERONE: Ah, no... il popolo è ignorante... vo' li quatrini...


(Ripete l'azione e nuovamente retrocede)


NERONE: Ho trovato... il popolo è mio... un nume mi ha dato un lume: Eureka! Eureka! E chi se ne... importa! L'ho in mano... Basta che lo fai divertì il popolo è tuo...


(Va al podio accolto nuovamente dalle urla, rimane al podio dicendo i numeri della morra)


NERONE: Sette... Tre... Tutta...


VOCE del popolo: Quattro... Otto... Sei... Sei...


NERONE: Stupido... Ignobile plebaia! Così ricompensate i sacrifici fatti per voi? Ritiratevi, dimostratevi uomini e domani Roma rinascerà più bella e più superba che pria...


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE: Grazie.


(Rivolgendosi a Poppea)


E' piaciuta questa parola... pria... Il popolo quando sente delle parole difficili si affeziona... Ora gliela ridico... Più bella e più superba che pria.


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE: (sempre più affrettatamente quasi cercando di sorprendere il popolo)


Più bella e più superba che pria...


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE: Più bella... grazie.


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE: ... Pria.


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE (facendo il gesto di dire la parola pria, senza però dirla)


VOCE del popolo: Bravo!


NERONE:Bravo!

 

VOCE del popolo: Grazie!


NERONE: Lo vedi all'urtimo come è il popolo? Quando si abitua a dire che sei bravo, pure che non faignente, sei sempre bravo! Guarda


(ripete il gesto senza dire la parola).

 

VOCE del popolo: Bravo!

 

NERONE: Eccomi a voi tutto d'un pezzo... Io vi darò tutto, basta che non domandate nulla! Il momento è difficile, l'ora è suprema, l'affare s'ingrossa e... e chi la fa l'aspetta! Ed ora, ed ora vattene, diletta ciurmaglia!

 


Eccolo qua, il futuro promesso dai grillini. Evviva il popolo sovrano…

 

 

Vignetta di Vukic

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!