Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - giovedì 28 gennaio 2021
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Saliam, saliam, saliam ad omaggiar…

Pubblicato domenica 01 giugno 2014 alle 12:29:48 - By Romano Garofalo

 

Vignetta di Mario Airaghi

 

Si dice che gli italiani siano sempre pronti a “salire sul carro dei vincitori”. A giudicare dal salto della quaglia che, in questo momento, stanno facendo politici, pseudointellettuali ed opinionisti TV, questa affermazione sembra particolarmente vera.
 
Non faccio nomi per non beccarmi una querela perché sono anche suscettibili, ma sarebbe sufficiente registrare, ad esempio, con quale repentino cambio di rotta questi “parolai della Tv”, dopo aver pesantemente attaccato Matteo Renzi, ora lo glorificano quasi quale “salvatore della Patria”, ultima risorsa del Paese.
 
Ma siamo sicuri che questo servilismo sia un vizietto esclusivamente italiano?
 
In fondo, allinearsi ai “nuovi padroni del vapore” ci libera dalla responsabilità di pensare con la nostra testa e ci assicura pane e companatico vita natural durante.
 
Un bel vantaggio, non vi pare, per il piccolo sacrificio (se di sacrificio si tratta…) di mandare il cervello in soffitta.
 
Dunque, se le cose stanno in questo modo, perché addossarci, noi italiani, questa poco commendevole abitudine? Se vale il detto popolare “tutto il mondo è paese”, allora forse anche all’estero le cose non vanno diversamente…(r.g.)
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!