Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 06 aprile 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

TIPI DA CHAT

Pubblicato martedì 08 dicembre 2015 alle 13:51:17 - By Alessandra Pelegatta

Non sono un’assidua frequentatrice delle chat, ma ogni tanto mi capita di sbirciare un po’. Quello che mi spinge è senza dubbio la curiosità: cosa c’è di più interessante (e divertente), infatti, che studiare i comportamenti umani in assenza di vincoli formali e freni inibitori? La realtà virtuale è un fantastico spaccato delle relazioni uomo-donna, in quanto non esistono filtri, e gli individui che ne sono dipendenti offrono spunti di riflessione davvero impagabili. In sostanza, la chat è come una fiction, in cui i comportamenti e i modi di atteggiarsi sono talmente stereotipati da sembrare una sorta di catalogo Postal Market delle debolezze umane.

Sulla base della mia esperienza, ho compilato un elenco per categorie dei frequentatori maschi più assidui.

 

I SIMPATICONI

 

Sono quelli che approcciano l’altro sesso con una formula forzatamente spiritosa, in genere battute tristissime studiate e messe in repertorio dopo aver passato anni a guardare programmi TV stile "La sai l'ultima", che loro considerano il top dell'umorismo raffinato e colto. Questi campioni della risata propinano il loro humour da Alvaro Vitali a qualsiasi tipo di target femminile. Vogliono per forza sembrare spiritosi, invece si rendono solo irrimediabilmente deficienti, tanto che, piuttosto, vi verrà voglia di fare la conoscenza di un serissimo assicuratore.

 

GLI HABITUÉ

 

Sono coloro che praticamente non si staccano mai dalla chat, i forzati del virtuale, che ormai non riescono più ad avere rapporti di qualsivoglia natura se non attraverso una cam. Sono metodici e sgamatissimi, compilano un messaggio standard che vale per tutte in modo da attirare le loro prede, e inviano random nella speranza che qualcuna abbocchi.  Di solito scrivono frasi a effetto, della serie, “appena ho visto i tuoi occhi, ho capito che sei una persona speciale, ecc.”; peccato che, il più delle volte, le signore sul profilo, col cavolo che mettono la loro foto!

 

I ROMANTICI

 

Oserei dire che sono i peggiori. Pensano che le donne siano tutte lì in attesa del principe azzurro, di conseguenza adottano un vero e proprio linguaggio da libri Harmony che credono irresistibile. Tra i romantici vi sono delle sottocategorie: i tormentati, ovvero coloro che dicono di essere appena usciti da una storia devastante, che vorrebbero innamorarsi di nuovo ma hanno una paura fottuta, eppure forse proprio con voi lui riuscirebbe di nuovo a lasciarsi andare; quelli che, seriamente, cercano la donna della loro vita e dopo soli due messaggini vi propongono di comprare casa e cane; oppure i furbissimi, fini psicologi che si comportano da cinici, ma vi fanno velatamente - e volutamente -capire che il loro essere disillusi è una sorta di corazza contro le cattiverie femminili. Voi credete di poterlo salvare, ma quando vi accorgete che in realtà è solo un furbacchione, ormai è troppo tardi. In ogni caso, per alcune donne (le cosiddette crocerossine, la cui unica missione è quella di salvare “lui” da una vita di solitudine), questa categoria è tra le più pericolose. Ma è deleteria anche per quelle che vogliono solo provare l’ebrezza di una conversazione hot, che invece si ritrovano a dover sostenere dialoghi da fotoromanzo anni ’70.

 

GLI STALKER

 

Sono micidiali. Quando puntano una preda, non la mollano più. Se le malcapitate non li cagano, perché dopo aver letto il loro profilo piuttosto si accoppierebbero con Charles Manson, sono destinate a un mitragliamento del tipo “Ci sei?” e “Mi rispondi?” che neanche Rambo contro i Vietcong. Presa dallo sfinimento, qualcuna potrebbe avere la tentazione di scrivere “Se non ti rispondo, un motivo ci sarà”, ma sarebbe l’errore più grave. Perché a questi malati di mente non importa il contenuto del messaggio, ma l’essere presi in considerazione, seppur in maniera totalmente negativa. Da lì partirà un nuovo attacco frontale massiccio, che può essere arginato solo uscendo dalla chat per non farvi più ritorno.

 

I MISTERIOSI

 

Sono quelli che usano un linguaggio criptico anche quando salutano, i finti intellettuali che si atteggiano a poeti maledetti capitati per caso nella chat, in quanto loro, esseri superiori, non si avventurerebbero mai di loro iniziativa in un modo così squallido come quello virtuale. Ritenendosi artisti incompresi, nelle loro conversazioni cercheranno di darsi un tono con citazioni colte, tutte naturalmente imparate a memoria al solo scopo di colpire l’immaginazione della loro interlocutrice. Si credono irresistibili, ma il loro sintomatico mistero è solo una cortina fumogena che nasconde individui in genere pallosissimi e anche abbastanza ignoranti. Provate per esempio a chiedere loro cosa ne pensano della teoria del diritto. Vi risponderanno che, in teoria, il miglior diritto degli ultimi dieci anni è senza dubbio quello di Federer.

 

Alessandra Pelegatta

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!