Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 19 novembre 2018
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Tira una “butta aria“ per la satira …

Pubblicato venerdì 12 agosto 2016 alle 11:00:17 - By Romano Garofalo

Vignetta dal “Fatto Quotidiano”

 

Tira una brutta aria per la satira...

 

Vignetta di Mannelli

 

Sulla prima pagina del Fatto Quotidiano compare una vignetta dell’ottimo Mannelli in cui la ministra Boschi è raffigurata seduta con un vestito corto che lascia scoperte le gambe e la scritta: “Riforme. Lo stato delle cos(c)e”,  e si scatena un putiferio politico contro la vignetta… scende in campo addirittura la Presidente della Camera Boldrini…e  gli opinionisti-cazzeggiatori che ormai imperversano in tutti i Talk Show si interrogano sul limite che deve avere la satira…


Questa opinione non è isolata, ma condivisa da molti che discettano su “cosa sia la satira” senza averne la benché minima idea. Secondo costoro la satira dovrebbe porsi dei limiti…Si possono “satireggiare” le idee dei potenti, ma non il loro aspetto fisico perché potrebbero offendersi: non toccate la statura di Brunetta, le cosce della Boschi, i capelli rifatti di Berlusconi ecc


A questa idea censoria della satira non erano scesi neppure i politici democristiani e socialisti della Prima Repubblica che, con tutti i loro difetti, forse (senza generalizzare) erano un po’ ladri e mafiosi, ma non erano certo degli imbecilli...e così i vignettisti raffiguravano il gobbo Andreotti, il Craxi con gli stivaloni alla Duce, Spadolini nudo con il pisellino… e tutti, obtorto collo, abbozzavano, senza farne una ragione di stato.


Ma l’esimia Boldrini e tutta l’intellighenzia dei politici della sinistra sono scesi in campo, a spada tratta, per denunciare il sessistico vilipendio nei confronti della Boschi.


Hanno recentemente occupato, manu militari, l’informazione Rai, ora pontificano sui “ limiti” che deve avere la satira, presto arriveranno sulle orme del Grande Timoniere Cinese, Mao Tse Tung, al “libretto rosso” della rivoluzione renziana?...


Tira una brutta aria per la satira e la libertà di informazione…

 

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!