Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 30 novembre 2020
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Come sopravvivere ad una donna tifosa

Pubblicato sabato 28 giugno 2014 alle 16:45:23 - By Alessia Telesca

 

Ma chi lo dice  che  il calcio è uno sport e un passatempo per soli uomini?
 
Povere donne, discriminate e ghettizzate pure nel tifo. 
Le tifose sono le donne maggiormente discriminate, guardate di storto da entrambi i sessi; gli uomini non le prendono in considerazione e ogni frase pronunciata, seppur attinente e corretta, viene ignorata a prescindere dal contenuto (sono donne, che ne vorranno mai capire?!), mentre le altre donne le guardano di storto perché non capiscono come possano essere interessate ad uno sport tanto noioso, senza merletti e brillantini, e scambiano il tifo per un’egocentrica scusa per stare in mezzo agli uomini.
 
In realtà di donne tifose ne esistono molte e amano il calcio solo perché e’ uno sport divertente ed appassionante, senza dimenticare che sono figli di padri, probabilmente sfegatati e, magari, di mamme ultras. 
Anche per loro è quindi giusto stilare un elenco di regole che gli ometti dovranno rispettare, onde evitare liti furibonde e gare di lanci di piatti.
 
- Innanzitutto mai pronunciare la frase ‘guardi il calcio solo per i bei ragazzi’.
Se si volesse ammirare un bel calciatore basterebbe accendere la tv o comprare qualche giornale (vista la rilevanza mediatica ed informativa che i calciatori hanno nel nostro paese) o aprire twitter e i vari social network per essere invasi da selfie che valgono milioni di euro; in campo, invece, tra capelli sudati e appiccicati alla faccia, sputi e nasi colanti, di sexy rimane ben poco.
 
- Ma dire ‘le donne non possono capire di calcio, perché non hanno mai giocato sul campo’. Uomini, vi diamo una notizia sensazionale: esiste anche il calcio femminile. E, in ogni caso, non serve necessariamente praticare uno sport o un’attività per capirla; Zeman e Sacchi non hanno praticamente mai giocato a calcio e Benitez e Mourinho hanno abbandonato l’idea visti gli scarsi risultati dei loro piedi. Ma loro non contano perché sono uomini?
 
- Basta con il luogo comune che le donne non capiscono la regola del fuorigioco. Non è una formula complessa, non è l’equazione di Schrödinger, è, anzi, molto più semplice del teorema di Pitagora. Mai passato per la mente che forse il problema è delle vostre spiegazioni?
 
- L’ultima regola, importantissima, vi ricorda che, anche se sportive e amanti del calcio, avete sempre a che fare con delle donne. Vanno bene gli sfottò per le sconfitte della squadra del cuore, ma non esagerate.. non state parlando con l’amico del bar con cui risolverete offese e  prese in giro semplicemente con un sorso di birra. Anche con una donna tifosa il lancio di piatti è sempre dietro l’angolo.
 
 
 
 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!