Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 09 agosto 2022
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

N 7 Proposta Progetto cinematografico “Italian Comics Show”.

Pubblicato mercoledì 13 aprile 2022 alle 14:02:30 - By Romano Garofalo

 

Italian Comics Show

Serie Tv, con pupazzi

 

 

 

Target: tutti N. puntate: 52 a stagione

Durata: 5 min. a puntata

 

Clicca

SOGGETTO

Target: x tutti

 

Serie satirica in animazione (stile Muppet Show). Il cast, nella sua fase iniziale, sarà formato da pupazzi di politici italiani. Ambientazione: un teatrino che riproduce un comedy club, cioè uno di quei locali dove si esibiscono comici, fantasisti e musicisti vari. Protagonisti: i politici del momento, ripresi sia nel loro ruolo del presente (attualità), sia nei loro tic e difetti più generalizzati (quindi più universali, per esempio: l’esibizionismo di Salvini).

 

Il format Italian Comics Show, come ogni spettacolo che si rispetti, mette assieme ritmo, comicità e musica (vedi sempre esempio dei Muppet Show) aggiungendo il valore della satira d’attualità. Niente tempi morti: battute secche e veloci, ritmo frenetico. Comici I politici sono in fondo dei comici, nel senso che adorano stare sul palco e ripetere i modi di fare che li hanno resi famosi. Il Comics Show è il loro passatempo preferito dove possono essere sé stessi davanti a un pubblico.

 

Ogni episodio avrà al centro “l’argomento del momento” (nella puntata pilota si parlerà di elezioni) ma poi si svolgerà in modo apparentemente sconclusionato, un po’ fuori di testa. Nel caso dei comici ogni politico si esibisce con un suo stile da cabaret: c’è il barzellettiere, quello che dice la battuta secca, quello che fa la canzoncina comica, il duo (comico/spalla), il monologhista, etc. Il resto fa da raccordo

 

Le parti musicali: Animazione: stacchetti musicali accompagnati da una grafica 2D o da un balletto di uno o più pupazzi. Sigle: cantate e coreografate dai pupazzi. Lo show potrebbe iniziare e terminare con tutti i personaggi politici, protagonisti della puntata che ballano il Can-Can, del tipo delle subrette del Moulin Rouge francese.

 

Politico cantante: stonatissimo che storpia tutte le canzoni (vedi il personaggio di Assurancetourix, il bardo, nella serie Asterix). Parodie: canzoni famose con parole cambiate (vedi Stefano Nosei o anche i gloriosi Quartetto Cetra). Musiche: originali composte per lo show o “free royalty”,

 

Conduzione: viene affidata a un “Personaggio reale” , un attore che sarà centrale nel format, in grado di dare i ritmi giusti allo spettacolo e  interagire con  tutti i pupazzi.

 

Voce fuori campo Un “coro” un po’ moraleggiante che commenta l’azione, sul tipo delle commedie greche, e interviene in situazioni specifiche. Ospiti: un ospite famoso a puntata (in carne e ossa). Intervistato” dal pupazzo conduttore dello Show come uno “stacchetto a se stante”, senza che poi entri in qualche modo nel show di Italian Comics e interagisca con gli altri personaggi. Ciak sbagliati: nella sigla finale, sui titoli di coda. Risate, applausi e standing ovation registrate.

 

Internazionalizzazione: è prevista una versione internazionale del format, coi leader e i protagonisti della scena mondiale. Con la stessa formula dello show musicale, demenziale.

 

Personaggi, che possono variare sulla base della attualità :

 

Donald Trump: quello spazzolone che ha sulla testa e l’ostilità verso i messicani. Sbruffone, cialtrone, dice cose senza senso come “make America fat again” (rendi l’America di nuovo obesa). Vuole costruire muri ovunque anche tra Ibiza e Formentera.

 

 

 

Kim Jong-un: gira sempre con una bombetta tascabile sottobraccio perché vuole bombardare gli USA, ma gli cadrà spesso sui piedi e la sua bomba non farà più di qualche metro. Gli piace fare il pupazzetto simpatico coi denti sporgenti, ma se lo avvicini ti morde. Slogan: “Noodles per tutti” “La Kia fa cagare” “Corea del Sud terroni”.

 

 

 

Erdogan: tenta, in tutti i modi e con tutti i travestimenti, di introdursi in Europa, spacciandosi per un sincero democratico, ma verrà sempre scoperto ed allontanato. È autoritario, vede nemici dappertutto. Cerca di vendere il Bosforo ai turisti ingenui. Frasi celebri “Fumo come un turco, canto come un napoletano”. 

 

 

 

 

Regina Elisabetta: pensa ancora che esista il grande impero Britannico. Fa discorsi alla nazione strampalati in cui l’India è ancora britannica. Sospetta che il principe Carlo voglia rubarle il trono quindi progetta di campare fino a 150 anni (Carletto tié). Frasi: “Oggi vedrò il primo ministro Winston Churchill…”.

 

 

 

 

Xi Jinping: il primo ministro cinese: vuole invadere l’occidente con la sua oggettistica di poco conto. A questo riguardo, gira con una piccola valigetta con la sua merce che, ogni tanto, apre, per piazzare il suo scadente prodotto:” Vu cumprà da Cinese?” è la sua parola d’ordine. Tiene spesso in mano “il libretto rosso” per fare la sua personale rivoluzione del mercato, con listino - costi della sua merce.

 

 

 

 

Putin: vuole conquistare l’Europa occidentale e fa sempre piani per ottenere lo scopo: usare gli hacker per mettere la pubblicità della vodka in tutti i computer, infiltrarsi nella Lega (ma lì si sono già infiltrati tutti), mettere del polonio radioattivo nella colazione di Angela Merkel, eccetera. Frase ricorrente: “Me la dacia o non me la dacia?”

 

 

Marine Le Pen: vuole indire un referendum in Francia per uscire dalla UE, ma non vi riuscirà mai. Frasi che dice in francese e poi traduce: “Je veux mais je ne peux pas” (vorrei ma non posso) “Sous le banc Macron meurt” (sotto la panca Macron crepa).

 

 

Romano Garofalo

 

© Copyright (sul progetto: le immagini sono dei rispettivi autori)  2022 Italian Comics. Tutti i diritti sono riservati. 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!