Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - martedì 16 aprile 2024
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Economicando

replica watches

19 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Dopo lungo digiuno sono arrivati, e non fanno prigionieri…

Pubblicato lunedì 15 maggio 2023 alle 11:36:14 - By Giulio Laurenzi

Ovvero, cari italiani, la volevate la bicicletta… ora pedalate.

 

 

Giulio Laurenzi

I vostri commenti...

Postato da Salvatore Dessupoiu :: domenica, 28 maggio 2023 - 17:27:56

alcuni audaci, in tasca "l'Unità", cantava Guccini nella sua Eskimo.
Ora, grazie ai governii Berlusconi/Renzi le spoglie del servizio pubblico sono diventate le pudenda del potere, per cui la narrazione, nonostante tutti paghino il canone, diventerà monotematica, si riproporrà il monoscopio.
Cambiare canale all'interno della RAI diventerà come passare alla concorrente Mediaset, sei reti nazionali passano dall'informazione alla propaganda, su questo è stata molto chiara colei che si è dichiarata la secchiona (del pitale) per emergere mantenendo braccio alzato e mano tesa.
Vogliamo scorrere i titoli dei (pochi) giornali che fanno cronaca o ci allineiamo ai lecchini portavoce di Porta a Porta?, già Vespa sarebbe dovuto sparire dai canali televisivi per come e dove usa la lingua (Berlusconi, Salvini, Meloni, Zelensky hanno risparmiato sugli antiemorroidari e lo sanno) ma non contenti i nostri, hanno cancellato anche il sagrestano Fazio e praticamente costretto Annunziata a dimettersi.
Se scorriamo una rassegna stampa seria, troviamo notizie preoccupanti sullo stato dell'informazione, ad esempio, le frasi di Salvini, (tipiche dell'etilista o dell'ignorante istituzionale) "su autonomia e flat tax l'Europa non sa di cosa parla", e Meloni raccoglie l'ennesima palata di letame proveniente da Bruxelles al suo indirizzo.
Grazie al de-cretino Piantedosi (leggasi Salvini) un mancato soccorso si trasforma in respingimento di massa verso la Libia, stato definito non sicuro, e coinvolge settecento persone di cui cinquantasei minori, sui sei canali della destra, silenzio, ancora letame sul presidente del Consiglio da parte dell'ONU.
Però ci mostrano le apparizioni sui luoghi dell'alluvione, Meloni, Santanché/Garnero, Bignami, camminano sulle acque e sorridono a favore di telecamera, poi volano a Catania e arringano i potenziali elettori come fossero all'opposizione, strizzando l'occhiolino all'evasione fiscale con la complicità della MEloni Radio Discorso Ariano.
Continuo ad utilizzare il nome completo, l'acronimo potrebbe offendere le orecchie di qualcuno, ma ques'è la nuova informazione televisiva, quest'è l'attuale governo italiano.

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!